Appena scese alla stazione
del paesino di Sant’Ilario
tutti si accorsero con uno sguardo
che non si trattava di un missionario

Bocca di Rosa-Fabrizio De Andrè

Quale miglior pubblicità, se non quella del nostro cantautore preferito genovese, per consigliarvi un’incantata gita a  Sant’Ilario? Caratteristico quartiere genovese alle spalle di Nervi, nella Riviera di Levante, il quale parrebbe più un cangiante dipinto a olio, piuttosto che una località autentica. Sant’Ilario è un incredibile borgo verticale: ti giri di qua, ci sono le alture, ti giri di là, si spalanca il mare.

Storia

Nel III secolo a.C. divenne insediamento romano, di cui l’Aurelia e le numerose strade che la collegano alla costa sono lasciti duraturi. Allora Sant’Ilario, da sempre caratterizzato da un clima mite anche nei mesi invernali, era un piccolo villaggio fondato su pastorizia e olivicultura. Passarono i Saraceni, i Mori, gli austriaci e i tedeschi, le edpidemie di peste e spagnola… In mezzo a tutto ciò, da località bucolica, Sant’Ilario divenne un’ambita meta del turismo aristocratico, di nobili, artisti, intellettuali e viaggiatori: sorsero così eleganti ville e si diffuse una colorata e profumatissima floricoltura.

Gambe nel verde, occhi sul mare: 4 itinerari

sant'ilario verde

Una gita a Sant’Ilario significa un percorso tra le “creuze” secolari, straduncole dove la pietra sposa il mattone rosso, che si inerpicano come tanti serpentelli dal mare sin sui monti. Un’esperienza resa ancor più unica dal persistente profumo di agrumi, aranceti e soprattutto limoneti, che abbondano in loco e ne rappresentano il più celebre prodotto tipico.

Le passeggiate regalano un panorama mozzafiato che si estende su tutto il golfo di Genova, non a caso chiamato golfo Paradiso.

1) Itinerario FIE Nervi-Monte Cordona

san rocco sant'ilario

Da Sant’Ilario ci si può immettere in questo itinerario partendo dal capolinea dell’autobus AMT 516, percorrendo la strada pedonale, che dopo il cimitero porta a San Rocco.

Da qui ci si immette sull’itinerario FIE segnalato da 2 triangoli rossi. Si transita per un bosco di castagne, recinti in pietra, antichi fienili per le stalle, un bosco di pini… il tutto accompagnato sempre da splendide vedute sul mare.

Dislivello: 600m
Tempo di percorrenza: 2h circa

2) Itinerario VERDEAZZURRO Sant’Ilario-Bogliasco

verdeazzurro sant'ilario

Studiato in modo da poter procedere soprattutto su sentieri di crinale, su mulattiere o creuse e solo per brevi tratti su strade asfaltate o trafficate.

Da San Rocco si supera, sulla destra, la villa che porta il nome di Maciste (Bartolomeo Pagano) e subito dopo, sulla sinistra, il cimitero di Sant’Ilario dove è sepolto Edoardo Firpo. Si procede in successione per queste vie: via Penco – via Lastrego – via Costabella – via della Zuccona – via Armanna, da cui si scende sull’Aurelia all’altezza della stazione di Bogliasco.

Dislivello in discesa: 200m
Tempo di percorrenza: 1h circa

3) Itinerario Sant’Ilario-Santa Maria Maddalena

chiesa sant'ilario

Ci sono due percorsi per raggiungere la cappella di Santa Maria Maddalena partendo dal capolinea dell’autobus davanti alla chiesa di San Rocco. Il primo transita da San Rocco, da cui si prende un sentiero che passa sotto la Serra. Il secondo inizia, superata la chiesa parrocchiale, sulla destra imboccando la creusa in salita di via dei Tasso, da cui in salita si raggiunge la località Serra dei Boschi (o di Cantalupo); da qui si raggiunge la cappella della Maddalena (in 20 minuti dalla Serra e 1 ora da Sant’Ilario). Si può inoltre proseguire per un breve tratto (circa 20 minuti) sino a raggiungere il bellissimo percorso a laghetti e cascatelle del torrente Nervi (sentiero parzialmente infestato da rovi).

Dislivello 150 m
Tempo di percorrenza : 1h 30 circa

4) Itinerario Sant’Ilario – Serra di Musanega – Sessarego

gita sant'ilario

Iniziare percorrendo tutto il piazzale della chiesa fino all’entrata della Scuola dell’Agricoltura; da qui prendere la creusa in salita (via Lastrego) e dopo un breve strappo seguire sulla destra via L. Cremona. Giunti presso un vecchio lavatoio prendere via Poggetto di Sopra e salire, in mezzo agli olivi, fino alla serra di Musanega (270 m) da dove la visuale si apre verso il golfo Paradiso. Giunti sullo slargo prendere via Serra di Musanego in direzione levante. Da qui si prosegue in costa su di un sentiero molto panoramico e in meno di mezz’ora si giunge a Sessarego (245). Da Sessarego si può ritornare scendendo a Bogliasco.

Tempo di percorrenza: 1h e 30 circa

Avete già preparato zainetto e occhiali da sole per la vostra gita a Sant’Ilario?

Buon divertimento da Riviera dei Bambini!

Gita a Sant’Ilario: l’aria al profumo di limone ultima modifica: 2015-09-28T17:40:49+00:00 da Riviera dei Bambini

È consentita la citazione dei nostri articoli previa indicazione della fonte.

Potrebbe interessarti..

0 Commenti

Aggiungi un commento