In seguito al primo appuntamento, Riviera dei bambini vi accompagna ancora nell’esplorazione succulenta dei prodotti tipici liguri, in previsione dell’evento, ormai imminente (dall’11 al 16 settembre) di Liguria Expo 2015.

Non solo aria fritta

fritto-collage

Cuculli

Gustose frittelle di farina di ceci, arricchite da erbette (soliti quelli con erba cipollina). Pochi e comuni ingredienti, di facile esecuzione, questi tipici frittini rispecchiano alla perfezione quella cucina ligure “povera”, ma altrettanto squisita.
I cuculli sono fratelli di altre frittelline genovesi, preparate invece con farina 00, che prendono il nome di Frisceu.

Panissa 

Il dialetto genovese regna sul nome, che in italiano sarebbe “Paniccia”: una sorta di polenta di farina di ceci (stesso impasto della farinata), che, una volta raffreddata e solidificata, viene tagliata “a fiammifero” (tipo patatine) e fritta in abbondante olio. Da preferire assolutamente alle patate fritte dei fast food!

Latte fritto

Speriamo che a Liguria Expo 2015 venga proposta questa specialità, sicuramente presente sui banconi delle friggitorie genovesi e nei tegami di nonne e signore locali: dolcissimi rombi fritti, preparati con un impasto di latte, farina, uova e zucchero, da gustare caldi, spolverizzati di zucchero a velo.

L’orto nel piatto

verdure-collage

Verdure ripiene

Anch’esse uno sfizioso bijoux della cucina povera ligure, poiché nel ripieno di zucchine, peperoni, cipolle e melanzane spesso si è soliti aggiungere i tipici “avanzi di frigo”, come prosciutto, mortadella o pezzettini di carne. Ogni gastronomia, panificio o trattoria reinventa a modo suo la ricetta tradizionale.

Torte salate

La più famosa è la torta pasqualina, ma i liguri, durante loro pause pranzo, possono godere di numerose e saporite farciture: torta di zucchini, torta di riso, polpettone di patate e fagiolini, torta di carciofi… Se siete in visita in Liguria, imitate gli “autoctoni”: fatevene tagliare una bella fetta e gustatela su una panchina lungomare o su un muretto tra le “creuze” e i vicoletti liguri.

Minestrone alla genovese

Protagoniste le verdure di stagione e i legumi: caldo, avvolgente e unicamente buono, il minestrone alla genovese deve il suo carattere speciale al pesto, il quale lo rende gradito anche ai bambini, che di solito storcono il naso di fronte agli ortaggi. Arricchito con un tipo di pasta corta tradizionale, i “bricchetti”, o con riso, il “menestrun a zeneize” celebra l’orto sulle tavole di ristoranti e trattorie di tutta la Liguria.

La dolce vita

dolci-collage

Biscotti liguri

In giugno La Sassellese, antica pasticceria ligure, ha già raccolto gloria ad Expo 2015, con un evento tutto dedicato all‘Amaretto di Sassello, dall’apprezzabile valore nutrizionale adatto anche ai celiaci.
Da assaggiare i Baci di Alassio, nel Ponente ligure, dolcetti alle nocciole e cacao, ingolositi con una ganache al cioccolato, di incredibile bontà. E ancora, i morbidissimi Canestrelli di Torriglia, paese di campagna vicino a Genova, preparati fin dal Medioevo dalle corporazioni di arti e mestieri dei produttori di ostie. Vi suggeriamo infine i Quaresimali genovesi e la loro ricetta.

Pandolce genovese

E’ d’obbligo nominare tra i prodotti tipici liguri più irresistibili il pandolce genovese, compagno prezioso di tutti i Natali trascorsi in Liguria. Profumi di uvetta, finocchio e canditi: non serve dire altro.

Castagnaccio

Dolce conteso tra liguri e toscani: i primi prediligono la ricetta col finocchietto, i secondi con il rosmarino. Un morso di questa sottilissima torta vi regalerà un tuffo nel passato, nella povertà contadina e nei profumi autunnali.

Non vi resta altro da fare che procurarvi i biglietti e precipitarvi a Liguria Expo 2015, super ferrati in materia gastronomica ligure!

Liguria Expo 2015: i prodotti tipici (Parte 2) ultima modifica: 2015-08-27T12:49:38+00:00 da Riviera dei Bambini

È consentita la citazione dei nostri articoli previa indicazione della fonte.

Potrebbe interessarti..

Aggiungi un commento