Scritto da: Silvia



Numerosi studi psicologici dimostrano l’interesse che esercitano nel bambino le espressioni del volto di chi si prende cura di lui, già nei primi mesi di vita. Ovviamente il primo viso che i neonati imparano a decifrare è quello della mamma e filtrano così il mondo che li circonda attraverso le emozioni che prova lei.

Nicolò-fa-le-facce

Per questo motivo, “Guarda che faccia!”, edito da Giunti Kids, è stato il primo libro prodotto dal progetto Nati per Leggere nel 2004. Si tratta di un robusto cartonato che presenta sei foto di bimbi piccoli, belli e molto espressivi, ciascuno alle prese con un’emozione diversa. In realtà però questo libretto non mi ha mai convinto. Ho sempre percepito la sua capacità di intenerire e divertire le mamme (anche me!) esattamente come le meravigliose fotografie di Anne Geddes, ma non capivo perché dovesse piacere tanto ai bambini. Non l’ho mai comprato a Filippo e probabilmente non lo avrei comprato nemmeno a Nicolò se, durante un rilassante giro in libreria, non avessi visto in offerta “Facciamo le facce” (Gribaudo), un libro più recente ma dello stesso tipo, che ha in copertina un visetto incantevole ed in ultima pagina una carta/specchio accanto alla scritta “Guarda questa faccia: sai di chi è? E’ proprio la tua, la più bella che c’è!” Il libro è consigliato dai sei mesi, Nicolò ormai ne aveva 18 ma ho deciso di acquistarlo lo stesso. E’ stato un successo!

Nicolò-facciamo-le-facce

Con le sue manine Nicolò prende il libro dal suo spazio nella libreria di famiglia, guarda l’espressione del bimbo che ha di fronte e la imita perfettamente, spesso accostando la pagina al suo viso in modo da permettermi di osservare quanto sia bravo! Quando arriccia il naso per mimare la rabbia ed emette un suono gutturale con il quale intende rafforzare l’emozione è irresistibile ed io me lo mangio di baci!

Acquistalo su Amazon.it!

Reportage di una mamma: facciamo le facce ultima modifica: 2016-01-15T11:06:24+00:00 da Riviera dei Bambini

È consentita la citazione dei nostri articoli previa indicazione della fonte.

Potrebbe interessarti..

Aggiungi un commento