Rolli Days 2017

Quando?  01-02 Aprile,14-15 Ottobre
Dove? Genova

La primavera è tornata e con lei uno degli eventi più attesi del panorama artistico-culturale di Genova: i Rolli Days!

Il 1° e 2 aprile le dimore storiche delle grandi famiglie genovesi, Patrimonio dell’Umanità Unesco, apriranno le porte al pubblico, che le portà così conoscere e ammirare in tutto il loro splendore.

Gli studenti e i ricercatori dell’Università saranno nei palazzi per accogliere i visitatori e illustrare loro dipinti, affreschi, arredi e architettura di questi edifici, costruiti tra Cinquecento e Seicento.

Un pò di storia

Il termine “strade nuove” si riferisce all’espansione urbana genovese nel corso del 1500, quando Strada Nuova (l’attuale Via Garibaldi) e Strada Nuovissima (l’attuale Via Cairoli, la prosecuzione verso Ponente di Via Garibaldi) furono realizzate per dare un volto “moderno” alla città, e dove le più ricche (grazie ai fiorenti scambi commerciali nel bacino del Mediteranneo, con Genova tra le capitali economiche) e nobili famiglie genovesi costruirono sontuosi palazzi ricchi di marmi e impreziositi da magnifiche decorazioni interne, realizzate dai maggiori artisti dell’epoca.

Nel corso degli anni le famiglie proprietarie dei Palazzi, che infatti riportano i nomi di personaggi che hanno segnato la storia della Genova rinascimentale, fecero a gara tra loro per rendere la propria dimora sempre più sontuosa, iscrivendola ai “Rolli”, speciali liste di Palazzi che offrivano ospitalità durante le visite di Stato.

Una singolare e primordiale forma di collaborazione pubblico – privato, che permetteva alla famiglia ospitante del Regnante o Principe in visita alla Repubblica Genvoese di far crescere di molto la propria reputazione.

Bè, che dite? Vi abbiamo incuriosito? Allora non perdete l’appuntamento ed organizzate una visita, le aperture straordinarie consentono di accedere gratuitamente alle Dimore dalle 10 alle 19, sia di sabato che della domenica, salvo diverse indicazioni.

rolli-days-2017

L’edizione 2017 vede per la prima volta l’apertura di 37 palazzi: alle dimore più note di Via Garibaldi e via Balbi, si affiancano palazzi meno conosciuti nel Centro Storico e alcune novità rispetto alla precedente edizione.

Scopriamole insieme:

Palazzo Franco Lercari (Via Garibaldi, 3), dove è conservato  l’affresco di Luca Cambiaso Costruzione del fondaco di Trebisonda,  che raffigura l’impresa di Megollo Lercari nella colonia genovese sul mar Nero. L’affresco vuole al tempo stesso ricordare la costruzione del palazzo Lercari in Strada Nuova, fornendo così un’idea dell’aspetto della via negli anni della sua apertura.

Palazzo De Franchi (Piazza della Posta Vecchia, 2), dove si possono ammirare gli affreschi di Bernardo Castello e di Domenico Fiasella.

Palazzo Brancaleone Grillo (Vico Mele, 6), in cui il pubblico può vedere per la prima volta, dopo il recente restauro, gli affreschi degli appartamenti a opera di Luca Cambiaso di Lazzaro Tavarone.

Aprono al pubblico anche Palazzo Doria Carcassi, sede della Fondazione Carige, e l’atrio di Palazzo Pinelli con i suoi caratteristici “laggioni”, la versione genovese degli azulejos, in maiolica colorata.

Per la prima volta nei Rolli Days è aperta al pubblico la Collezione del patrimonio artistico di Banca Carige,  che conserva  un importante nucleo di opere proveniente dalla dimora patrizia della famiglia Doria di Strada Nuova.

Per rendere la visita più facile, sono state proposte 4 tematiche che collegano tra loro alcuni palazzi:

facciate dipinte

ninfee e giardini

restauri e rinnovi

imprese e condottieri

I Rolli Days sono quindi da non perdere! Le visite gratuite alle dimore aperte al pubblico saranno possibili dalle 10 alle 19, salvo eccezioni segnalate.

In concomitanza con il grande evento dei Rolli Days vengono organizzate manifestazioni collaterali, alcune gratuite e altre a pagamento; per restare aggiornati collegatevi al sito ufficiale.

Organizza un weekend in Liguria con tutta la famiglia!

Rolli Days 2017 ultima modifica: 2017-03-29T16:32:33+00:00 da Riviera dei Bambini

È consentita la citazione dei nostri articoli previa indicazione della fonte.

Potrebbe interessarti..

Aggiungi un commento